LO STRANO ALAMBICCO DAL MULTIFORME ASPETTO MULTICOLORE

 

Correva l’anno 2745, il signore medesimo (SM) farneticava con radici multiformi.

La casa delle streghe avvolta tra alberi di proporzioni inimmaginabili, partorì il giorno successivo a quello precedente la dio-piattina, sulla quale impresso il primordiale paesaggio.

Lo scaffale murale diede alla luce il vetrato verde trasparente ed altri inanimati oggetti che rimasero tali al momento.

Il parassita umanoide era stato riposto nell’attesa dell’evento; esso ora parte integrante del lucido paesaggio, avvolto da filamenti lucenti cui nuovi strani animaletti, ora lucenti non più pelosi, vibrano da ogni segnale emesso dall’ordine supremo.

ARIA SANA

ARIA MALSANA

OGGI MI FACCIO UNA BELLA TISANA.

La casa multicolore, dall’espressione unica, fu dono partorito dalle viscere della terra nella valle dei pini, luogo che sta ad oriente della grand’antenna grigiastra.

La casa con il nuovo ordine muove con sincronismo radioattivo gli elementi minori;

Esso elemento nato dalla fusione spasmodica dei tre regni, sovrasta incontrastato l’inquietante paesaggio.

In gran numero esistono delle case aspirale, simili alle antiche "involute" chiocciole terrestri, che con velocità lenta in direzione del gran tronco si dirigono per poi salire sino a raggiungere il parassita umanoide, il quale ora vegetale integrante minerale, dalla cui fronde, trafitta da minerale appuntito, fuoriesce ninfa vitale.

Ghiotte, esse succhiano la sostanza anch’essa variopinta, ma essendo costituzionalmente fragili, soprattutto involute, si disintegrano dopo l’immediata assunzione.

Il loro succo apparteneva pur sempre alla specie in terra più evoluta.

Intrecci filici di notevole valore estetico nascondono mille particolari, rimasti a testimoniare la venuta in terra degli omuncoli.

La stanza scura, il soffitto puntellato per evitare cadute; casa occultata da strani ricordi, donava forme comunemente usate nella preistoria per fabbricare oggetti cui era affidato il compito di calzargli abitanti di quel remoto passato.

Uno scorpione incontaminato dalle radiazioni, passeggia ha suo agio sulle rotondeggianti forme trasparenti.

All’inizio c’era anche Mister Folk.

Esso contribuì in misura notevole alla costituzione del progetto finale.

Alla sera del compimento ultimo, si elevò a spirito; ed io medesimo fui allora mediocre nell’attuare il piano iniziatico. In misura mentale, ovviamente, esso rientrava nella fantasmagoria alambiccale, ma istinti reconditi, ancorati all’idiotismo fobico, non permisero di compiere il reale-regale passo. Invocai l’assurdo demone, in supplizio universale chiesi la risposta all’enigma: risposta fu data, troppo ovvia però!!! Per esso troppo superficiali le nostre menti per accogliere l’assurdo segreto dei gemelli.

Egli-essa, quel giorno transitorio per gli eventi, si presentò a me. Apparve vestita da guerriero sulla groppa di un cavallo enorme, La cui testa adornata da criniera stranamente rossastra di leone meccanico, ha occhi fiammeggianti. Anche se prevista, la sua apparizione m’incute stupore.

Egli-essa risponde a domande sul passato, presente e futuro, insegna l’astronomia e le arti liberali, inoltre dona pace, l’estrinseco valore. Finalmente dopo tanti tentativi su oggetti strani in movimento, trovò uno che valeva la pena plasmare in direzione evoluta.Egli-essa seppe addirittura passare da oggetto strano animato, ad oggetto inanimato-animato. Mister Folk attirato dalla stessa ninfa coinvolgeva Allocen e l’amica Maria, in strani giochi d’illusionismo. Ma quando esso a spirito si elevò Egli-Essa non seppe compiere l’estrema soluzione: l’ultimo passaggio dal finito nel finito.Passare da oggetto strano animato ad oggetto inanimato, animato, inanimato. Altri elementi servono per ultimare il mosaico.

Il Signore Medesimo non compie sortilegi, essendo in obbligo con Allocen del dono dell’estrinseco valore. Ad egli-essa la risposta ultima senza condizionamenti recitativi da parte del Signore.

Intanto, l’infinito relativo nel finito passa, anche se importanza relativa ha il risultato finale.

Allocen vestita da guerriero, in groppa al suo cavallo enorme la cui criniera stranamente rossastra ha occhi sempre più lucenti.Allocen, egli-essa, unico oggetto. Colei la quale ha tre dei quattro passaggi finiti, già notevole per chi ha inizio è fine ha in se il potere e il dono dell’estrinseco valore.

ARIA SANA

ARIA MALSANA

OGGI MI FACCIO UNA BELLA TISANA.

Ora la cosa suprema chiede che avvenga, l’alto esige il sacrificio al che Egli-Essa non corra pericolo d’integrazione. Che la comunione tra entità di carica opposta abbia inizio.

Il Signore Medesimo applichi l’animato, inanimato schema due, controllo sette, tre, due.

Apertura cranica, con taglio lungo la sezione emisferica; obliterazione cerebrale con ingurgita della sostanza prima. Apertura toracica, con divisione netta delle parti segnando l’ordine: prima sia bevuto il viola, successivamente il blu, infine il rosso.

Che le carni a brandelli siano sbranate. Infine il controllo Zero.

Il sole diluisca l’anima. (controllo dal ch’egli).

Solo con tale schema il bimbo embrio potrà nascere. L’animato che muta la spoglia tramutandosi in inanimato.

Il S.M. catalizzerà l’inanimato. L’inanimato sia portato alla luce per essere animato.

Il S.M. dona l’anima. L’animato venga inanimato nell’inanimato dallo animato. Il Signore Medesimo uccide il re con la regina, la regina con il re.

Nella notte del tempo egli-essa fu fecondata dal nulla; dominio assoluto del Signore Medesimo, Egli-essa partorirà il nuovo nato. Il S.M. incaricò l’angelo messaggero di recargli istruzioni; cavalcò per cimiteri lucubri, che il Dio dei morti risorga. Nella notte del tempo ci sarà il sacrificio: il corvo sarà trafitto dal mio acciaio e sacrificato, gli occhi del mortale Allocen sempre più lucenti, mentre il Medesimo esige il sacrificio. La serpe bianca ha decretato il luogo dove tutto avverrà. Che nasca!!!

ARIA SANA

ARIA MALSANA

OGGI MI FACCIO UNA BELLA TISANA

Ultime istruzioni

FIGURE GROTTESCHE DA OMBRA GIGANTESCHE, Si’ ERGONO COME GIOCHI ANCESTRALI

Buchi dai mali intrinseco cui fuoriescono volti umani catalizzati.

Strade che conducono al muro decrepito, streghe e maghi le sorvolano.

Elios entrerà nella bilancia, egli-essa dovrà assorbire le ultime nozioni preparatorie, per il rito finale.

Egli-Essa nel posto definito, dovrà recarsi quando mercurio sarà in congiunzione superiore con il sole. (H-109).

SUL DONO:

Esso doveva essere l’anima animata, ma rappresentò solo prolungamento vitale.

Alambiccato con sigillo regale nella parte ultima de Multiforme aspetto Multicolore.